Comune di Grottole

stemma_grottole

COMUNE DI GROTTOLE
Viale Kennedy, n. 53
75010 - Grottole (MT)

tel. 0835 558201 - fax 0835 758330
sito web: Comune di Grottole

Grottole detto dai Latini Cryptulae e dai Greci Κρuptai (da Κρiptos nascosto, occulto), fu chiamato nel 1301 Cryptulae Castri (Grottole Fortezza), mentre alcuni documenti risalenti al 1306 riportano come nome Castra Millonici Cryptulae. In una pergamena del 1316, rinvenuta nell'archivio della Zecca, si legge Oppidum Cryptularum pheudalis. Le origini di questo centro civico si possono ricollegare agli albori della civiltà come dimostrano i ritrovamenti di insediamenti preistorici-greci-romani. I suoi primi abitatori sono stati gli aborigeni che trovarono sicuro rifugio nelle numerose grotte ancora visibili alla base del paese. Grottole fece parte della VII Regione Metapontina colonizzata dai Greci tra il XIII e il XII sec. a.C., conosciuta come la più importante delle otto regioni che formavano la Magna Grecia. Al tempo della romanizzazione divenne un villaggio-presidio ed una piccola stazione sulla Via Appia. Subì la dominazione longobarda. Nell' 851 quando i longorbardi divisero l'Italia in 36 ducati, il feudo di Grottole fu incorporato nel Castaldato di Salerno all'epoca dominato dal Principe Sichinolfo. Fu proprio Sichinolfo di Salerno a far costruire sulla collinetta chiamata Motta il nucleo originario del castello feudale. Nel 1035 Grottole passò sotto la Signoria di Romano Materano, comandante dell'esercito greco-bizantino. Poi fu il tempo dei feudatari normanni e intorno al 1061 il feudo fu conquistato da Guglielmo Braccio di Ferro. Nel 1076 il Principato di Salerno e quindi anche il Feudo di Grottole passarono nelle mani di Roberto Guiscardo alla fine dello stesso secolo risulta tra i possedimenti di Loffredo da Matera dopo la sua morte avvenuta nel 1101 lo ereditò il figlio Alessandro. Documenti di età normanna attestano che nel 1133 Grottole divenne feudo di Adamo Avenello e in seguito di Carbone Belmonte. Nel corso dei secoli varie famiglie e signorie si sono contese il feudo di Grottole. Alla famiglia Marchesano subentrò il conte di Tricarico, che aveva appoggiato la conquista angioina, per poi passare al duca Maino da Batio Manforte. Dal 1434 al 1500 il feudo fu compreso nelle proprietà delle Famiglie Orsini - De Balzo e Zurlo-Pisciscelli, mentre dal 1547 al 1639 appartenne ai Signori Sances De Luna D'aragona. In seguito subentrarono i Caracciolo di Melissano e gli Spinelli di San Giorgio e, infine dal 1738 Grottole passo ai Sanseverino di Bisignano. Solo nel 1874 con la morte di Luigi Sanseverino Principe di Bisignano, Grottole si liberò dell'ultimo feudatario. 

News

21 Settembre 2015
Festa conclusiva: Basilicata fiorita 2015. 

2 Settembre 2015
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat...

5 Agosto 2015
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat....

Proudly powered by WordPress